Sfida del Maglio

Il sogno di un ragazzo

Q uesta è la storia di un ragazzo che sognava, un giorno, di entrare nella bottega di mastro Marino per diventarne l'aiutante.

O ra devi sapere che Mastro Marino era un fabbro che divenne il simbolo di Fabriano non per il sangue che scorreva nelle sue vene ma per il sudore che sgorgava dalla sua fronte, tanta era la forza che metteva nel forgiare il ferro della sua fucina e tante le opere che, da questa fucina, uscivano per prendere le vie del mondo.

E gli conosceva l'arte della lavorazione dei metalli e possedeva il segreto del fuoco che manteneva acceso notte e giorno per donarne a chi ne fosse rimasto sprovvisto.

A ttorno a questo mitico fabbro, nel corso del tempo scandito solo dal battere del suo pesante maglio sull'incudine, crescevano tante altre fuligginose fucine mentre, in altre capanne nate lungo le rive del Giano, alcuni viaggiatori, giunti a Fabriano dal lontano Oriente, adoperavano le acque del fiume per produrre e migliorare un'invenzione portata da quelle terre lontane: la carta.

M a torniamo al ragazzo ed al suo sogno. Un sogno che poi non era soltanto suo ma di tutti i giovani della valle e pertanto, per realizzarlo, altro mezzo non c'era che sfidare tutti per diventare proprio lui, un ragazzo ricco solo di sogni , il garzone del fabbro più noto del paese.

Q uesta è la "Sfida del maglio"; una gara per dare ad ogni giovane, che tenga agilità nelle gambe ed un sogno nel cuore, la possibilità di diventare per un anno, con l'aiuto e per i colori della Porta che rappresenta, l'erede di Mastro Marino.

Teseo Tesei